Roma: Pesca Grossa al Laghetto dell’EUR

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da Predefinito. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Alcuni giorni fa ho assistito alla pesca di frodo, nelle acque, non certo pulite e limpide, del laghetto dell’EUR  a Roma, di un grosso pesce da parte di un uomo che dall’accento era di chiara origine non italiana.

Quello che mi ha colpito sono stati i commenti delle persone che hanno assistito a tale pesca.

La prima espressione che si è alzata dalla folla presente, all’uscita del pesce, è stata: “ammappete”, in chiaro accento romanesco.

Contemporaneamente una signora passante redarguisce il pescatore: “qui è vietato pescare”

Uno spettatore della prima ora risponde in romanesco: “signora cià fame deve magnà…” e rivolgendosi al pescatore:  “…sbrigate però”.

Una pesca contro il tempo, una pesca per la fame. Movimenti sapienti e veloci, un semplice amo con un normale filo di lenza e per le mani di un esperto e affamato pescatore è un gioco da ragazzi tirare fuori dall’acqua un pesce di ragguardevoli dimensioni. Il suo compare in un baleno salta la recinzione e infilano il pesce in un carrello-zaino da spesa ed in un paio di minuti si dileguano.

Le persone presenti hanno assistito quasi ammutoliti, fino all’ammappete. C’erano famiglie con bambini, certo non sarà stato facile per i genitori confrontarsi con i figli su quanto visto. I bambini lo avranno visto sicuramente come un gioco, i genitori un po’ meno. Combattuti, forse, dallo spiegare ai figli che non è legale quello che hanno visto e doversi sobbarcare una marea di domande dei piccoli: possiamo pescare anche noi? Perché loro si e noi no? perché nessuno li ha fermati se era illegale? Perche nessuno ha chiamato la polizia?…

Educare un figlio a rispettare le regole non è facile, una cosa è la teoria una cosa è la pratica, la vita che ti mette davanti alle situazioni reali che cozzano con la legge e la legge che non collima con la tua coscienza.

Mi allontano con i miei pensieri che si attorcigliano  sempre di più, in una esaltazione dello sdoppiamento dei pensieri: favorevoli e contrari. Ognuno con la propria logica e la propria morale. Mi immagino la grigliata che faranno, magari insieme alle loro famiglie o amici.

Il suono della tromba di un auto mi porta sulla terra e mi ritrovo davanti ad un ristorante di pesce e tutto ad un tratto mi sale un terzo pensiero: e se lo dovessero vendere? Un brivido mi assale per la schiena. Per alcuni giorni non mangerò pesce nei ristoranti.